MacbettU

Teatro Massimo Cagliari: 
Martedì, 27 Febbraio, 2018 - 10:30
Mercoledì, 28 Febbraio, 2018 - 10:30
Giovedì, 1 Marzo, 2018 - 21:00
Venerdì, 2 Marzo, 2018 - 21:00
Sabato, 3 Marzo, 2018 - 21:00
Domenica, 4 Marzo, 2018 - 19:00

tratto da: Macbeth di William Shakespeare

di: Alessandro Serra

con: Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino, Leonardo Tomasi

traduzione in sardo e consulenza linguistica: Giovanni Carroni

collaborazione ai movimenti di scena: Chiara Michelini

regia, scene, luci, costumi: Alessandro Serra 


foto: Antonio Baldino


produzione: Sardegna Teatro e Teatropersona

con il sostegno di: Fondazione Pinuccio Sciola e Cedac Circuito Regionale Sardegna 
 

sala: M1
durata: 90'
tariffa: 7€ intero 5€ ridotto  | 3€ con stcard
lingua: sardo con sovratitoli in italiano

Premi: Miglior Spettacolo UBU 2017 - Miglior Spettacolo ANCT 2017 (Associazione Nazionale dei Critici di Teatro) - Finalista al Premio Rete Critica 2017

 

Macbettu di Alessandro Serra s’incunea in un crocevia: da un lato le intuizioni geniali del Macbeth di Shakespeare, dall’altra l’ispirazione del regista di fronte al Carnevale barbaricino. Della vicenda scespiriana si recupera l’universalità e la pienezza di sentimenti, millimetricamente in bilico sul punto di deflagrare. Di fronte ai carnevali sardi una visione: uomini a viso aperto si radunano con uomini in maschere tetre e i loro passi cadenzano all’unisono il suono dei sonagli che portano addosso. «Quell’incedere di ritmo antico, un’incombente forza della natura che sta per abbattersi inesorabile, placida e al contempo inarrestabile: la foresta che avanza» – così Serra descrive la suggestiva ascendenza da cui è scaturito il suo lavoro di contaminazione.

Macbettu traduce – e volontariamente tradisce – il suo riferimento testuale, valica i confini della Scozia medievale per riprodurre un orizzonte ancestrale: la Sardegna come terreno di archetipi, orizzonte di pulsioni dionisiache. La riscrittura del testo operata dal regista, trasferita poi in limba sarda da Giovanni Carroni, guarda a una interpretazione sonora: gli attori sulla scena – uomini, come da tradizione elisabettiana – decantano una lingua che è pura sonorità, si allontanano dal giogo dei significati per magnificare il senso.

 

Shakespeare’s Macbeth, performed in Sardinian and, in the pure Elizabethan tradition, by an all-male cast. Alessandro Serra’s rewriting of the play discloses an ancestral, restless, powerful imaginary where the signs taken from Sardinian culture become universal archetypes.

 

S'idea naschet dae unu reportage fotogràficu fatu in Barbagia. Sos sonos de sa campanas e de sos strumentos antigos, sas peddes de sos animales, sos corros, s'ortigu. Sa potèntzia de sos gestos e de sa boghe, sa cunfidèntzia cun Dioniso e sa pretzisione formale de sos ballos e de sos cantos. Sas caratzas tèteras e su sàmbene, su binu nieddu, sas fortzas domadas dae s’òmine. Ma prus che totu s’ierru iscuru. Ispantat s’assimìgiu intro desas caratzas sardas e s’òpera de Shakespeare.

rassegna stampa

Share/Save Condividi